– Contributo online di Tazio Airaghi

Penso che il tessuto sociale, lavorativo, produttivo, commerciale STORICO di Rho meriti un riconoscimento. Molte città italiane dispongono di un registro delle loro botteghe storiche, che annualmente aggiornano con piccoli riconoscimenti, così come Regione Lombardia di cui tanti consiglieri compongono la nostra amministrazione ha un suo registro, disponibile alla visualizzazione qui http://www.negozistoricilombardia.it/la-mappa/. Purtroppo nella città di Rho nessuna impresa storica ha da Regione Lombardia un riconoscimento del grandioso lavoro che ogni giorno svolge per la NOSTRA città. Purtroppo più aspettiamo, più queste rischiano di essere sostituite da investimenti a orologeria della durata di pochi mesi che il tessuto produttivo non consolidano, ma sfaldano. Quello che propongo è l’istituzione di un registro di botteghe storiche Rhodensi, estrapolato da semplici interrogazioni dei database elettronici delle imprese e consegna di una targa al merito con piccola cerimonia di consegna della stessa in Comune a tre o cinque botteghe l’anno, a partire dalla più antica. Evento da ripetersi ogni anno per un certo numero di anni. Fa tessuto, diffonde cultura (chi lo sa quali sono le botteghe più antiche di Rho?), ha un costo molto basso (le targhe-pergamena e la comunicazione dell’evento), valorizza il lavoro di chi la città la VIVE da decenni, offrendo IDENTITA’ e facendosi in quanto tali ELEMENTI ATTRATTIVI sia per la cittadinanza che forse non le conosce e frequenta abbastanza, sia per chi dovesse fruire la città per brevi periodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *